Chiesa Serbortodossa di San Spiridione

37658484Il Tempio Serbo-ortodosso della Santissima Trinità e di San Spiridione (nota come Chiesa degli Schiavoni) si affaccia sul Canal Grande, sulla riva destra guardando dal mare, l’edificio in stile neobizantino è stato costruito nel 1869 dall’architetto Carlo Maciachini, dove sorgeva la precedente Chiesa di San Spiridione del 1753. L’edificio è leggermente rientrante rispetto alla casa parrocchiale affianco in modo da non essere visto eccessivamente dai fedeli cattolici che uscivano dalla Chiesa di Sant’Antonio Nuovo.

gf

 

I serbi già un secolo prima fondarono a Trieste la propria Comunità religiosa e grazie al loro nobile interessamento e alle loro donazioni,  resero possibile che nella città , allora sotto la sovranità  dell’Impero austro-ungarico, venisse eretta questa chiesa maestosa quale luogo di preghiera.

San Spiridione 2Le caratteristiche di questo luogo di culto sono la cupola più alta dei quattro campanili, le ampie decorazioni a mosaico su fondo oro che abbelliscono le pareti esterne, l’alternanza pietra bianca e arenaria e le nove grandi statue opera dello scultore milanese Emilio Bisi che ornano la facciata, che tuttavia contengono alcuni errori     (San Gregorio è raffigurato con delle croci che non fanno parte del rito ortodosso, e Sant’Antanasio impugna un pastorale non orientale).

76137823La facciata principale, contrariamente a quanto si pensi, è quella sulla Via San Spiridione.

Il manto di copertura delle cupole e dei tetti, che originariamente era realizzato in lamina di piombo aveva le tonalità di grigio. Il manto è poi stato sostituito, durante la prima guerra mondiale ( per la urgente necessità di produzione di munizioni), con una lamiera zincata di colore simile.

SONY DSC

La Chiesa ha la tipica struttura ortodossa, con una pianta a croce greca ed una grande cupola centrale (domus centrale) e quattro piccole intorno. L’interno è riccamente decorato secondo i canoni bizantini, con pitture ad olio imitanti il mosaico in toni blu scuro.

SONY DSC

 

Sopra l’altare si ammira il Cristo con gli Apostoli, sulla parte destra è rappresentata l’Assunzione della Vergine.

Sulla parete sinistra, in alto, è raffigurato il primo Concilio ecumenico di Nicea del 325 con San Spiridione e gli altri padri conciliari.L’iconostasi, che divide il presbiterio dal resto della chiesa, comprende, in basso, quattro icone d’eccezionale valore e pregio artistico: San Spiridione, Madonna con Bambino, Cristo Re, l’Annunciazione. Sono ricoperte in oro e argento e sono state eseguite in Russia nel primo ‘800.

P1000357L’arredamento è prezioso infatti conta candelabri veneziani del 1899 e la grande lampada in argento massiccio che pende all’ingresso è un dono fatto nel 1772 dello zar Paolo, imperatore di tutte le Russie, durante una visita alla città e alla precedente chiesa del XVIII secolo.

La bellezza di questa chiesa è davvero straordinaria, e dimostra la vocazione di cuore dell’Europa di Trieste, dove da secoli hanno convissuto popoli di religione diversa, prova ne è che il Tempio Serbortodosso fu costruito accanto alla Chiesa cattolica in San Antonio, sottolineando ancora di più la diversità culturale della città.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Informazioni su danieledemarco

La storia di Trieste attraverso i suoi palazzi, monumenti, targhe, vie e piazze. - Daniele De Marco http://scoprendotrieste.it
Questa voce è stata pubblicata in Palazzi Chiese Ville e altro..., Scoprendo Trieste e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...